2004 - Bambini per finta

Lavoro minorile

Lo sfruttamento del lavoro minorile

Il problema dello sfruttamento del lavoro minorile è globale, riguarda ormai ogni angolo della Terra. Migliaia di fotografie in bianco e nero potrebbero apparire davanti ai nostri occhi, raccontandoci altrettante storie di sfruttamento: i cucitori di palloni in Pakistan, gli intrecciatori di tappeti indiani, i raccoglitori di canna da zucchero in Brasile…non dimenticando i cinque milioni e mezzo di adolescenti che vengono impiegati negli Stati Uniti d’America.
Questo problema, accomuna tristemente Paesi evoluti e Paesi poveri; le sfaccettature che lo caratterizzano sono diverse, ma esiste un unico crudele presupposto: lo sfruttamento, l’indigenza, la povertà, l’infanzia negata.


Perché…?

La prima causa di questo fenomeno è sicuramente la povertà; molte storie di sfruttamento partono dalla necessità di sfamare una famiglia che ha perso il padre o che si è indebitata o più semplicemente che si è ampliata con l’arrivo di nuovi nati.
Molti Stati, inoltre, si sono indebitati con altri governi o con banche straniere private. Il peso di questo debito è diventato insostenibile per molti Paesi, aggravato dagli interessi e dalla rivalutazione del dollaro. Nonostante i piani di aggiustamento strutturale proposti dal Fondo Monetario Internazionale, nella seconda metà degli anni Ottanta, il potere d’acquisto medio delle famiglie dell’Africa Subsahariana e dell’America Latina è ulteriormente crollato.
Non và inoltre dimenticato che i bambini e gli adolescenti subiscono angherie e ricatti, non hanno coscienza sindacale e dunque diventano la forza lavoro ideale per gran parte dei datori di lavoro. Vi sono poi le variabili culturali che aggravano il problema, sovrapponendo alle complicazioni economiche, antiche e nuove disparità sociali; questo fenomeno è ad esempio molto diffuso in India dove le leggi nazionali che proibiscono il lavoro per i minori di quattordici anni non vengono messe in pratica per i bambini della casta degli “intoccabili”.
Su tutte queste variabili culturali, infine, domina quella “di genere”, che fa sì che nel mondo le bambine siano, a parità di età e di provenienza sociale, più penalizzate dei maschi. A molte di esse si nega ancora il diritto all’educazione di base con l’effetto di mantenerle ai livelli più infimi della scala sociale e di assoggettarle, una volta cresciute, allo sfruttamento da parte del marito.

L’istruzione è l’unico vaccino efficace che può stroncare questa piaga tremenda. Il fabbisogno per rendere l’istruzione un diritto concreto per tutti i bambini del mondo, ammonterebbe a diecimila miliardi di dollari l’anno: quattro giornate di spese militari mondiali…


Come…?

Analizziamo brevemente le varie forme di lavoro minorile:

  • Il lavoro domestico di bambini e adolescenti è un fenomeno sommerso, difficilmente quantificabile, ma molto diffuso. Malnutrizione, orari di lavoro massacranti e sfruttamento sessuale sono considerati come complemento del loro impiego. In Sri Lanka una famiglia su tre ha in casa un servo bambino di età inferiore ai quattordici anni, in Kenya una su cinque;
  • Dai telai del Nepal, alle piantagioni di canna da zucchero del Brasile, dai cantieri edili birmani, alle tende del deserto della Mauritania, centinaia di migliaia di bambini pagano con il lavoro forzato i debiti contratti dai genitori;
  • Lo sfruttamento sessuale coinvolge circa un milione di minori ogni anno nel mondo. L’introito di enormi quantitativi di valuta straniera, scoraggia molti Paesi ad attuare una seria politica di eradicamento di queste pratiche. L’abuso sessuale è inoltre una pratica molto diffusa per molti datori di lavoro che, in questo modo, affermano la loro assoluta prepotenza su persone non in grado di difendersi o di far valere i propri diritti più elementari;
  • Il lavoro nelle industrie e nelle piantagioni comprende attività pericolose e pesanti che sottopongono il fisico dei minori a gravi rischi. Essi infatti raccolgono il thè nelle piantagioni irrorate di pesticidi nello Zimbabwe, scavano nelle miniere di carbone della Colombia, rischiando la vita a causa di metodiche lavorative antiquate e pericolose;
  • Un bambino che vende bevande nella stazione ferroviaria, che lucida le scarpe di fronte ad un albergo o che raccoglie in una discarica rifiuti da riciclare, è innanzitutto un bambino che lavora. Il lavoro di strada è spesso facile bersaglio di azioni repressive a volte spietate, condotte in nome dell’ordine pubblico e della difesa della proprietà;
  • Il lavoro familiare si svolge nella casa o nel campo dei propri genitori e molte volte impedisce la frequenza della scuola o pregiudica uno sviluppo sano nelle fasi più delicate della crescita. Il livello eccessivamente basso dei salari dei genitori a volte è alla base del lavoro familiare dei bambini. Ad esempio in Pakistan, un cucitore di palloni da calcio, guadagna circa mezzo dollaro a pallone e in una giornata riesce a cucirne in media tre. E’ quasi inevitabile che uno o più figli saranno coinvolti nella cucitura, per riuscire a sfamare l’intera famiglia.


Dove?

Il grafico qui di seguito riportato, indica quanti bambini lavoratori sono presenti in:

Grafico sul numero di bambini lavoratori presenti nel mondo

Logo MLAL Progetto Mondo I progetti "Tu mi guardi" e "Negli occhi delle donne", realizzati negli anni 2005/2006 sono stati inseriti nella Capacity Building "Progetto n. 5: Per costruire una cultura della solidarietà", finanziati da MLAL-UE Logo Unione Europea
Associazione Amici del Mondo
via Marconi 41, 33041 Aiello del Friuli - Udine
www.amicidelmondo.it, c.f.90014630306
project © Web Industry