2004 - Bambini per finta

La legislazione internazionale

L’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) ha sin dalla sua nascita nel 1919 prodotto trattati internazionali multilaterali per regolamentare la partecipazione dei minori al mondo del lavoro. L’ultima Convenzione è la n.182 emanata nel 1999, contro le peggiori forme di lavoro minorile. Essa va ad aggiungersi alle Convenzioni sul lavoro minorile e sul lavoro forzato. Tra queste, la Convenzione 138 sull’età minima, considerata tra le convenzioni fondamentali dell’OIL, ha avuto sino ad oggi 82 ratifiche da parte degli stati membri dell’OIL.
Questa normativa nasce dall’esigenza di adottare nuovi strumenti miranti alla proibizione e all’eliminazione delle forme peggiori di lavoro minorile; il raggiungimento di questo obiettivo richiede un’azione omnicomprensiva e immediata che tenga conto dell’importanza dell’istruzione di base gratuita e della necessità di sottrarre a tutte queste forme di lavoro i minori provvedendo alla loro riabilitazione e al loro reinserimento sociale, non dimenticando i bisogni delle famiglie. Abbiamo più volte nominato “le forme peggiori di lavoro minorile”. Ma quali sono le categorie comprese in questo insieme? Esse sono quattro: la schiavitù (traffico di minori, lavoro forzato, servitù per debiti,…), l’impiego nella prostituzione, l’ingaggio per attività illecite (in particolare quelle legate allo spaccio degli stupefacenti) e qualsiasi altro lavoro che rischi di compromettere la salute, la sicurezza o la moralità del minore.
La Convenzione n.182 è completata dalla Raccomandazione n.190; la prima non è vincolante dal punto di vista giuridico come la seconda, ma è molto dettagliata e precisa in ogni sua parte. Essa definisce una lista minima di categorie di lavori dannosi per la salute, la sicurezza o la moralità dei bambini e prevede inoltre l’aggiornamento periodico di dati statistici, l’inserimento della lista delle forme peggiori di lavoro minorile tra i reati perseguibili dagli Stati ratificanti e l’adozione di miglioramenti inerenti le infrastrutture scolastiche.
La Convenzione impegna gli Stati ad intensificare la cooperazione internazionale in questo settore, anche attraverso il sostegno di programmi di sviluppo economico e sociale, sradicamento della povertà e promozione dell’educazione per tutti.
La Legislazione inerente questo tipo di tematica giunge alla Convenzione n.182 dopo un lungo cammino iniziato nel lontano 1919. Non sarà questa la sede per lo sviluppo e la descrizione di ogni singola Convenzione precedentemente emanata; ci impegniamo però a citarle, lasciando al vostro interesse personale la possibilità di sviscerarle…

- Convenzione sull’età minima – industria - n.5 (1919);
- Convenzione sull’età minima – lavoro marittimo - n.7 (1920);
- Convenzione sull’età minima – agricoltura - n.10 (1921);
- Convenzione sull’età minima – stivatori e fochisti - n.15 (1921);
- Convenzione sul lavoro forzato n.29 (1930);
- Convenzione sull’età minima – lavori non industriali - n.33 (1932);
- Convenzione (riveduta) sull’età minima – industria - n.58 (1936);
- Convenzione(riveduta) sull’età minima – lavoro marittimo - n.59 (1937);
- Convenzione(riveduta) sull’età minima – lavori non industriali - n.60 (1937);
- Convenzione sull’abolizione del lavoro forzato - n.105 (1957);
- Convenzione sull’età minima – pescatori - n.112 (1959);
- Convenzione sull’età minima – lavori sotterranei - n.123 (1965);
- Convenzione sull’età minima - n.138 (1973).

L’Italia ha ratificato tutte le Convenzioni qui sopra elencate.

Logo MLAL Progetto Mondo I progetti "Tu mi guardi" e "Negli occhi delle donne", realizzati negli anni 2005/2006 sono stati inseriti nella Capacity Building "Progetto n. 5: Per costruire una cultura della solidarietà", finanziati da MLAL-UE Logo Unione Europea
Associazione Amici del Mondo
via Marconi 41, 33041 Aiello del Friuli - Udine
www.amicidelmondo.it, c.f.90014630306
project © Web Industry