2004 - Bambini per finta

Bambini e sfruttamento

Questo è forse il campo più variegato riguardo alle problematiche dell’infanzia. Se nei casi precedentemente esposti le cause, pur complesse nei loro sviluppi, sono comunque aggregabili (fame, guerra, malattie…), le componenti del pianeta sfruttamento sono molteplici, diverse e spesso con percorsi trasversali.
Il capitolo più ponderoso è legato al lavoro minorile in quanto sono ben 211 milioni i bambini e le bambine con meno di quattordici anni costretti a crescere troppo in fretta abbandonando scuola, giochi ed amicizie per aiutare sé stessi e la propria famiglia a sopravvivere. Il lato più drammatico sta però nel sommerso del fenomeno con bambini spesso venduti dalle stesse famiglie incapaci di provvedere al loro sostentamento. E’ il via ad una scura spirale fatta di solitudine affettiva, orari interminabili, compensi irrisori e condizioni di vita spesso inumane.
Altro aspetto della problematica è legato alle cosiddette tratte dei bambini, vere e proprie vie commerciali che li portano a rifornire veri e propri mercati di piccoli schiavi. Vi sono coinvolte come detto le vittime dello sfruttamento a fine lavorativo, ma spesso il destino può essere ancor peggiore. L’età di avviamento alla prostituzione è sempre più bassa e, specie nei paesi del sud-est asiatico, il fenomeno si sta radicando in modo tale da essere addirittura legalizzato*. Forse però l’aspetto più agghiacciante sta nel commercio dei bambini finalizzato a rifornire il mercato del trapianto clandestino degli organi.
Sono scenari lontanissimi dalla nostra dimensione di vita, ma sono oltremodo reali ed è allarmante il fatto che abbiano a disposizione un serbatoio sconfinato, costantemente alimentato dalla miseria e dell’ignoranza. Quando infatti non sono le stesse famiglie a separarsi dai loro figli, la materia prima è comunque facilmente reperibile: ragazzi di strada dei sobborghi urbani, rifugiati in piena precarietà… costituiscono infatti una fonte praticamente inesauribile e di troppo facile accesso. Fino ad ora si è parlato di fenomeni ben identificabili che rendono travagliata l’età infantile in molte parti del mondo.
C’è però un filo conduttore a fornire un legame fra tutte queste causalità, un nesso rintracciabile non tanto negli effetti che abbiamo visto, quanto in una comune radice: l’ignoranza.
La mancanza di istruzione è infatti alla base di ognuna delle problematiche fin qui esposte sulle quali ha più o meno direttamente inciso. Ecco dunque che l’unica via percorribile verso una concreta possibilità di crescita futura, dovrà necessariamente passare attraverso la fruibilità di questo diritto per ogni bambino.

Logo MLAL Progetto Mondo I progetti "Tu mi guardi" e "Negli occhi delle donne", realizzati negli anni 2005/2006 sono stati inseriti nella Capacity Building "Progetto n. 5: Per costruire una cultura della solidarietà", finanziati da MLAL-UE Logo Unione Europea
Associazione Amici del Mondo
via Marconi 41, 33041 Aiello del Friuli - Udine
www.amicidelmondo.it, c.f.90014630306
project © Web Industry